Secondi

Carne, pesce o verdure. 
Ogni ingrediente si sposa con un altro
per ottenere il matrimonio perfetto.

Secondi Non ci sono prodotti in questa categoria.

Sotto-categorie

  • Salama da sugo

    salama_da_sugo.jpg



    Preparazione:

    Mettere a bagno la salama in acqua fredda per una notte, affinchè le muffe che la ricoprono esternamente si ammorbidiscano.

    Si può qui ricordare che proprio queste incrostazioni scure, dovute alla lunga stagionatura ( un anno ed anche più ) " garantiscono" una salama "matura".

     La mattina seguente, pulitela con estrema delicatezza, prima con una spazzolina morbida poi con un canovaccio inumidito. cercate di evitare di rompere la pelle , 

    se tutto va bene, procedete! Prendete un capace pentolone, riempitelo d'acqua fredda, avvolgete la salama in una pezzuola,

    come vuole la tradizione, oppure usate un moderno sacchetto di plastica da cottura, ed immergetela infilando il suo lungo occhiello

    di spago in un bastone di legno, che, appoggiato di traverso ai bordi del recipiente, servirà a sostenerla.

    La salama infatti nn deve mai toccare il fondo. Cuocete a fuoco lento per almeno 6 ore; l'acqua deve sobbollire costantemente e,

    quando occorre rabboccare, aggiungetene solo di caldissima. Chi opta per la cottura a bagnomaria, dovrà calcolare alcune ore in più. 

    Servite la salama con la classica corona di purè di patate o un contorno di lenticchie.

    Buon lavoro e buon appetito!



  • Fegato alla Veneziana

    Fegato alla Veneziana

    Ingredienti :

    - 600 g di fegato di vitello o di maiale
    - 2 cipolle bionde
    - 1 cucchiaio d’aceto
    - mezzo bicchiere di vino bianco o di vino Marsala
    - olio extravergine di oliva
    - 30 g di burro
    - polenta abbrustolita per servire
    - farina 00 (facoltativa)
    - sale e pepe


    Preparazione :

    Affettate finemente le cipolle. Scaldate 3 cucchiai d’olio in un tegame, versate le cipolle e fatele soffriggere dolcemente. Salatele e pepatele. Per non bruciacchiarle, aggiungete poca acqua, un po’ per volta e coprite la padella. Sfumate con 1 cucchiaio d’aceto. Mescolatele di tanto in tanto. Cuocetele per una ventina di minuti. Tagliate il fegato a listarelle. Per renderlo ancora più morbido potete infarinarlo leggermente. Quando le cipolle saranno ben soffritte, aggiungete il burro, e fatelo sciogliere. Versate poi le listarelle di fegato e doratele a fuoco alto per 3 -4 minuti. Sfumate poi con il vino. Salate e pepate. Quando il liquido si sarà addensato, servite subito il fegato alla veneziana accompagnandolo da delle fette di polenta abbrustolita. Non dimenticatevi di versare un po’ di sughino per rendere questa pietanza ancora più gustosa e invitante.

    Buon lavoro e buon appetito!

  • Baccalà alla Vicentina

    Baccalà alla Vicentina



    Ingredienti :

    - 500 gr di stoccafisso secco
    - 2 cipolle di media misura
    - 100 ml di olio extravergine d’oliva più un po’
    - 2 sardine sotto sale
    - 500 – 800 ml di latte fresco intero
    - 1 cucchiaio di farina
    - 2 cucchiai di formaggio grana grattugiato (facoltativo)
    - un ciuffo di prezzemolo tritato
    - polenta per servire
    - sale e pepe



    Preparazione:

    Battete lo stoccafisso con un mattarello per ammorbidirlo. Ammollatelo poi in acqua fredda, cambiandola ogni 4 ore, per 2-3 giorni. Trascorso questo tempo, tagliate lo stoccafisso a pezzettoni e sbollentateli in acqua. Poi, con molta pazienza, eliminate le lische e la pelle. Mettete da parte. Affettate finemente le cipolle e rosolatele in un tegame con un 100 ml d’olio d’oliva. Aggiungete le sardine sotto sale tagliate a pezzetti. Aggiungete i pezzi di stoccafisso e spolverateli con un cucchiaio di farina. Rosolateli a fuoco medio. Versate poi il latte e cuocete molto lentamente a fuoco bassissimo per almeno 3 ore. Se necessario, aggiungete altro latte in cottura. A cottura ultimata regolate di sale, se necessario, e pepe e aggiungete il prezzemolo tritato. Per gustarlo al meglio lasciatelo riposare per almeno 12 ore. L’indomani riscaldatelo aggiungendo un goccio di latte. La tradizione vuole che, prima d’esser servito, il baccalà alla vicentina venga mantecato con il formaggio grana grattugiato e un filo d’olio d’oliva, ma se non vi piace il formaggio abbinato al pesce, potete ometterlo. Una volta pronto, servitelo assieme a della polenta fumante, irrorato, se volete da un filo d’olio d’oliva.

    Buon appetito e buon lavoro!

  • Gratin con porri e...

    Gratin con porri e Montasio



    Ingredienti :

    - 600 gr. di porri
    - 2,5 dl. di latte
    - 200 gr. di Montasio mezzano
    - noce moscata
    - burro per lo stampo
    - sale



    Preparazione :

    Lavate i porri, privateli delle foglie più esterne e delle radichette e tagliateli a tronchetti. In una pentola bollite abbondante acqua salata, tuffatevi i porri, lasciateli sobbollire per 2 minuti e sgocciolateli. Grattuggiate grossolanemente il Montasio. Mescolate il latte, la panna e i 2 terzi del formaggio in un tegame e scaldate il tutto a bagnomaria finché il formaggio si è sciolto. Ungete una teglia rettangolare con una noce di burro, sistematevi i porri appoggiandoli sulla parte tagliata e copriteli uniformemente con la fonduta di panna e Montasio. Cospargete con il formaggio rimasto e una abbondante grattata di noce moscata. Mettere la teglia in forno caldo e cuocete per circa 15 minuti a 200°. A fine cottura azionate il grill e lasciate gratinare un paio di minuti finchè si crea una crosticina dorata. Servite caldo.

    Buon lavoro e buon appetito! 

  • Filetto di maiale al...

    Filetto di maiale al caffè



    Ingredienti:

    - 1 cucchiaio di Caffé Penazzi macinato
    - 700 grammi di filetto di maiale
    - olio EVO q.b.
    - 2 cucchiaini di paprika
    - pepe e sale q.b.
    - peperoncino in polvere
    - mezzo cucchiaino di cumino 
    - mezzo bicchiere di vino bianco
    - 1 cucchiaio zucchero di canna integrale



    Preparazione:

    Comincia a preparare il filetto di maiale al caffè.
    Miscela le spezie con lo zucchero il caffè e un po' di pepe e massaggia il filetto di maiale con il composto.
    Avvolgilo con pellicola trasparente e mettilo a riposare in frigo per mezz'ora.
    Rosola il filetto di maiale in un tegame antiaderente con un filo d'olio EVO a fiamma bassa per evitare che lo zucchero sulla superficie bruci diventando amaro.
    Poi aggiungi il sale e sfuma con il vino bianco.
    Lascia cuocere il filetto di maiale al caffè per 15 minuti, rigirando la carne di tanto in tanto e irrorandola con il suo sugo.
    Terminata la cottura puoi servire questo particolare piatto in tavola.

    Buon lavoro e buon appetito!



    Prodotto disponibile nel nostro shop:

    Caffè Torrefazione Penazzi